POMARICO, Provincia di MATERA, Basilicata (carta geografica)           

Pomarico (MT) (informazioni su Pomarico) 

 

                                LE REGOLE

 

  A POMARICO LE REGOLE SONO STATE CAPOVOLTE !

Il Sig. URICCHIO ANTONIO, decorato al valore dallo STATO ITALIANO con due medaglie d'oro, per meriti di guerra in GERMANIA. Per  aver combattuto sui Balcani contro la GERMANIA NAZISTA . Viene fatto prigioniero ed internato in GERMANIA in un campo di concentramento.

 

Si legge:  N. 11412 d'ordine del registro delle concessioni

 ESERCITO ITALIANO - IL COMANDANTE DEL DISTRETTO MILITARE DI ............

Visto il R. Decreto 14 Dicembre 1942, n. 1729, Vista la legge 4 Maggio 1951 n. 571

DETERMINA

È concessa al  CAVALLEGGERO

URICCHIO Antonio, nato a Pomarico il 26/5/1923

la   CROCE al Merito di Guerra

PER INTERNAMENTO IN GERMANIA

2.(seconda) concessione

addi,.... 19.....

IL COLONELLO COMANDANTE, Firma______ 

 

 

Il misero STATO ITALIANO (oramai guidato da mafiosi che si sono organizzati nel partito DC (Democrazia Cristiana) oppure nel PS (Partito Socialista) non è in grado di corrispondere al mantenimento di una famiglia così numerosa. I nuovi condottieri, nonostante i miliardi messi a disposizione, non sono in grado di organizzare la vita sociale e il lavoro, perciò il Sig. Uricchio

Emigra nel dopoguerra (1958) in Germania. La GERMANIA gli dà un lavoro e lo aiuta, con assegni famigliari e borse di studio,  per potere educare bene i suoi 7 figli  e dare ai figli  una buona formazione professionale. 

La famiglia non CHIEDE NULLA ALLO STATO ITALIANO e NON SI COMPORTA DA PARASSITA. Nessuno degli URICCHIO ha precedenti penali. Vale a dire quasi una famiglia "MODELLO" per uno STATO di diritto.

Abbiamo stabilito le "nuove regole" con la costituzione italiana, convinti di poter così domare la belva umana con "le regole".

IN QUESTE ZONE NON SERVE A NIENTE !

Perchè ?

Perchè c’era una volta uno Stato, che fondava la sua esistenza sostanzialmente sulla forza e sul coraggio dei suoi soldati. Oggi, in Italia, a Pomarico, in Provincia di Matera, in Basilicata, si fonda sull’energia criminale dei suoi amministratori. 

Per l’unità d’Italia i nostri antenati hanno combattuto al Nord come dei leoni contro gli Austriaci e al Sud contro i Borboni come delle tigri  

E dopo i leoni e le tigri sono arrivati gli sciacalli e gli avvoltoi di oggi

 

Tutta la famiglia si guadagna quindi il pane lavorando onestamente in GERMANIA e contribuisce con le proprie rimesse alla crescita dell'economia locale di POMARICO (MT), acquistando i terreni e costruendo la palazzina.

Però la famiglia Uricchio non ha capito una cosa. Non ha capito che in Italia le cose sono cambiate. Che in Italia regnano adesso i nuovi Padrini e Padroni. I ladri e i mafiosi. I nuovi emergenti della "partitocrazia italiana"

Il classico rappresentate di questo nuovo sistema, l'ultimo anello ? Il Sindaco !

 

Il "SINDACO" di Pomarico, uno che deruba lo STATO ITALIANO

 Un mafioso, un corrotto 

Uno che sa ".......fare arrivare i soldi alterando bilanci e conti *" per poi farli sparire  favoreggiando i suoi amici. Uno che ha saccheggiato il territorio di Pomarico per riempire le proprie tasche....

(Definizione classica della corruzione:

  "Profitti personali svolgendo una "funzione pubblica")

* per leggere l'intera sentenza della Corte dei Conti clicca quí !

Allora .....un "dottore" italiano, il primo cittadino di Pomarico, uno che nella maniera più perversa che si possa immaginare, progetta - insieme ai suoi tecnici anche il pericolo in casa Uricchio - definendolo "ammodernamento". 

Domanda: Quanto bisogna essere perversi per fare il "Sindaco" oppure il "tecnico comunale" a Pomarico (Matera), Basilicata, ITALIA?

 

.....  viene ricevuto dal CAPO dello STATO ITALIANO,

     Carlo Azeglio CIAMPI con ABBRACCI ed ONORI

 

             è UNO SCANDALO, è UNA VERGOGNA !!!!

 

INVESTENDO A POMARICO NOI CI SIAMO FIDATI DELLA LEGGE E DEI DIRITTI.

ABBIAMO DAVVERO CREDUTO CHE LA POLIZIA INDAGASSE E LA GIUSTIZIA FACESSE IL SUO DOVERE  DI INTERVENIRE A TUTELA DEI CITTADINI INDIFESI IN REFERIMENTO A PROVVEDIMENTI, ATTI, FATTI E COMPORTAMENTI, RITENUTI IRREGOLARI, COMPIUTI DAL "SINDACO E DAGLI UFFICI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE".

       INVECE NON SUCCEDE NULLA !!

IL CITTADINO VIENE ABBANDONATO A GRIDARE CON GLI STRISCIONI LA SUA RABBIA CONTRO QUESTA INGIUSTIZIA.      

           

            E poi dicono che queste cose succedono solo nelle

                      REPUBBLICHE DELLE BANANE !!

 

LO STATO:

LO STATO È UNA STRUTTURA ASTRATTA. SI CONCRETIZZA PER IL CITTADINO NELLE AZIONI DELL'ENTE LOCALE, DOVE L'IMPATTO È DIRETTO ED IMMEDIATO.  LE AZIONI DIRETTE ED IMMEDIATE, DURATE DECENNI, A POMARICO HANNO PORTATO AL MASSACRO DELLA FAMIGLIA URICCHIO E AL TOTALE SACCHEGGIO DELLA  PROPRIETÀ ACQUISTATA:

 

UNO STATO DI DIRITTO

SI DISTINGUE DA UNO STATO DOVE PREVALE LA VENDETTA DI SANGUE OPPURE DOVE I CONTI SI REGOLANO IN MANIERA DIVERSA ....

.....DAL FATTO CHE  IL CITTADINO DENUNCIA ALLE FORZE DELL'ORDINE OPPURE ALLA GIUSTIZIA LE ILLEGITTIMITÀ  "AMMINISTRATIVE" E QUESTI  INTERVENGONO FACENDO RISPETTARE LA LEGGE E I DIRITTI.

NON AVVIENE COSÌ A POMARICO, MT, ITALIA:

Dove non serve segnalare "STORTURE AMMINISTRATIVE", perchè non succede comunque nulla.

Le regole comuni in uno STATO DI DIRITTO, tipo parole come " il buon andamento ed imparzialità della pubblica amministrazione" sono parole mai conosciute  e mai rispettate a POMARICO.

Quindi a questo punto  NON SERVE NEMMENO CHIEDERE AIUTO AL "PRIMO CITTADINO" di questo STATO: Leggete la lettera scritta al Presidente Ciampi nel 2004 (clicca qui !)

E poi .... volete sapere perchè il COMANDANTE DEI VIGILI DI POMARICO, Ten. Michele TUDISCO, non vuole oppure non può accertare il MANCATO ACCATASTAMENTO di una STRADA FUORILEGGE e di palazzi deliberati per gli "AMICI" ?

Forse perchè il COMANDANTE DEI VIGILI, responsabile per la sicurezza dei cittadini, del traffico ecc.  è da moltissimi anni MEMBRO della STESSA COMMISSIONE EDILIZIA che delibera le "STRUTTURE" da accertare.

Come può quindi il SIGNOR Tudisco ( la famosa capra !!) emettere un verbale contro le OPERE PUBBLICHE da lui stesso APPROVATE ?

E.. sentite, udite... il "Comandante" italiano dice: ..."... ma per l'amor del cielo, dove è il pericolo ?.." E sottolinea: "...perchè sono io l'addetto alla pubblica sicurezza a Pomarico". Alles klar, Herr Kommissar ?

 

La questione dei paletti:

I PALI PER L'ILLUMINAZIONE PUBBLICA DELLA STRADA.

Questi PALI SONO STATI INSTALLATI ILLEGITTIMAMENTE  sulla PROPRIETÀ PRIVATA URICCHIO e apparentemente non recano alcun pericolo alla viabilità.

ALMENO i CARABINIERI DI POMARICO e NATURALMENTE ANCHE I VIGILI URBANI DI POMARICO non lo hanno MAI notato.

I VIGILI MULTANO INVECE URICCHIO Paolo, perchè questo delinquente, fissando i paletti molto più piccoli sulla sua proprietà per tutelare il suo diritto di proprietà e per salvaguardare la sua incolumità e quella della sua famiglia a DETTA di  QUESTI SIGNORI IN DIVISA  arrecano  un pericolo e il sig. Uricchio ha violato....il codice della strada...... bla. bla..bla.bla.......minacciando che la mancata rimozione immediata fa scattare il codice penale....... con "...arresti immediati" 

IL GIUDICE CHE il 14.03.2005 DEVE DECIDERE sulla rimozione illegittima dei paletti (azione denunciata ulteriormente da Paolo Uricchio) ..... getta lo sguardo a terra e decide di non decidere:  Decide .. "...Visto che i paletti sono stati rimossi, il verbale è superato"  ???  

 

Prestare servizio militare costituisce un massimo atto di patriotismo, essere stato decorato per meriti di guerra lo è ancora di più. Invitiamo tutti gli italiani a riflettere sul loro impegno eroico per la "PATRIA", perchè , non necessariamente lo Stato si dimostra riconoscente in tale caso. Nel caso della numerosa famiglia Uricchio e del suo capo famiglia, non solo non ha potuto oppure voluto essere previdente per corrispondere agli obblighi costituzionali, constringendolo all'emigrazione con la sua intera famiglia, anzi , questo veniva poi derubato dallo stesso Stato del suo bene guadagnato con il lavoro  in Germania e  messo con azioni meschine economicamente in ginocchio. E con la strada "ammodernata" in modo fuorilegge, fuori norma e pericolosa  -  in casa sua !  - è diventato vittima di un "incidente" ! Ahi, Stato Italiano ! Ingrato,  ladruncolo e mafioso. Rappresentato a Pomarico (Provincia di Matera), Basilicata, da Gentaglia con un'elevata energia criminale, che non perde occasione per decorarsi con la fascia tricolore e continuare a rubare.

 

 

 

                                        TORNA ALLA PAGINA INIZIALE !

 

Tutta la storia di questa tragedia dovuto alla decisione degli URICCHIO di acquistare proprietà a POMARICO (Provincia di MATERA), Meridione d'ITALIA, per tornare nel paese NATIVO sul sito

WEB    http://www.uricchio.de

Le foto in basso:

Pomarico, Matera, Basilicata, Italia, Anno Domini 2013:

Li abbiamo visti e li abbiamo sempre immaginati così, i nuovi eroi della Patria. Sembrano dei ...

I NUOVI CONDOTTIERI ITALIANI: Tutti decorati con stelle, stelline, stellette e fascie tricolore. Sanno almeno cucinare i loro spaghetti ?

Die neue "Führungsriege" in Pomarico,  Basilicata, Italien. Alle hochdekoriert mit "Sach's, stars and stripes" für ihre "Heldentaten". Können sie wenigstens Spaghetti kochen ?

 

QUESTA PAGINA È IN ALLESTIMENTO !

 

 

ONOREVOLE ECCELLENZA, CAVALIERE SENATORE

AVE MARIA, A PORTA PIA ....

AAAAAAAAAACHTUNG    !!!!!!!!!!!!

NUN TE REGGAE PIÚ

The picture above: I just LOVE IT  !   - No one like you !

Giuseppe CASOLARO, Sindaco italiano di Pomarico: The best in the WEST  !

Meno male che non è più tempo di guerre in Europa, altrimenti con questo nuovo esercito italiano rischiamo di perderla anche contro il LUSSENBURGO  !

POMARICO 2013:  Seduta del CONSIGLIO COMUNUNALE

TYPISCHE SITZUNG DES GEMEINDERATES VON POMARICO

Es ist wirklich wahr:  Jedes Volk hat die Regierug, die es verdient !

 

La foto in alto: La nuova nobiltà, dott. Mario Mancini

NUN TE REGGAE PIÚ

 

La foto in alto: Sua eccellenza, il Sindaco di Pomarico e Politico di Spicco della Ia Repubblica Italiana, dott. Mario Mancini

Torna alla pagina iniziale

WWW.uricchio.de

NOTA di Paolo Uricchio:   Caro er Presidente, troppi rospi in Basilicata ! Perciò un buon consiglio: Chi vuole bonificare la palude non può e non deve chiedere il permesso alle rane.

NON è UNA BARZELLETTA !

PER TUTTO QUESTO VENGONO RICEVUTI DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ,  OPPURE SI PREMIANO E SI DECORANO DA SOLI !

PREMIO E MEDAGLIA D’ORO A CHI MERITA DAVVERO

 

Abbiamo voluto fortemente ripristinare e riportare in auge il Premio LucaniaOro istituito dal Sindaco Mario Mancini 

 

TORNA A POMARICO IL PREMIO LUCANO

 

29.Agosto 2017

Torna a Pomarico, grazie all'impegno dell'Amministrazione Comunale, il Premio LucaniaOro, che sorto nel 1986, venne assegnato per tutto il decennio degli anni Novanta del Novecento.

Con tale Premio venivano insigniti personaggi lucani, che, con la loro vita e professione, assurgendo a gradi e posti di notevole prestigio, si fossero distinti nei più varî e più disparati settori della politica, della cultura, della finanza, dell’imprenditoria, dell’Amministrazione dello Stato e così via, tutti che avessero come denominatore comune la comune origine lucana.

Si annoverano nell’Albo di tale Premio l’on. Emilio Colombo, il prof. Dinu Adamesteanu, il card. Michele Giordano, il Prefetto – Comandante della Polizia di Stato – Vincenzo Parisi – solo per citarne alcuni – e tanti altri personaggi.

Per la X edizione del 2017, s’intende insignire del prestigioso Premio l’On.le Vito De Filippo per la Politica, il Prof. Giuseppe Lupo per la Cultura, l’Avv. Emilio Nicola Buccico per la Cultura Giuridica con Menzione Speciale Matera 2019, il Magn. Prof. Amerigo Restucci per l’Architettura, Franco Verrascina per la Cooperazione in Agricoltura.

La cerimonia di consegna del Premio si svolgerà, nell’ambito delle manifestazioni culturali dell’Agosto Pomaricano, Sabato 26 Agosto 2017 alle ore 21.00 in Piazza Primo Maggio.

 

Comune di Pomarico

Albo d’Oro

1986

Sen. Vincenzo Verrastro

Politica

Mons. Franco Conese

Apostolato

Dott. Giuseppe Giacovazzo

Giornalismo

Ing. Luca Montrone

Imprenditoria

Sen. Vincenzo Leggieri

Sociale

Franco Selvaggi

Pomaricano Illustre

1987

On. Emilio Colombo

Politica

Mons. Giuseppe Vairo

Apostolato

Prof.

Dinu Adameșteanu

Cultura

Mario Trufelli

Giornalismo

Padre Angelo Cipollone

Sociale

Cavv. Leonardo e Giuseppe Vena

Imprenditoria

Avv.

Vito Cavalli

Pomaricano Illustre

1988

Sen. Decio Scardaccione

Politica

Card. Michele Giordano

Apostolato

Dott. Francesco La zazzera

Cultura Giuridica

Alberto Virgilio

Giornalismo

Comunità Accoglienza Fratello Sole

Sociale

Pietro Antonio Pinto

Imprenditoria

Mons. Michele Scandiffio, Pomaricano Illustre

1989

Sen. Saverio D’Amelio

Politica

Prof. Francesco Sisinni

Cultura

Dott.

Rocco Mazzarone

Sociale

Dott. Pier Luigi Maria Dell’Osso

Cultura Giuridica

Mons.

Donato De Bonis

Politica della Finanza

Giovanni Russo

Giornalismo

Nicola Calciano

Imprenditoria

Luigi Calciano

Imprenditoria

Mario Calciano

Imprenditoria

Matteo De Sio

Imprenditoria

Annunziata Cardinale

PREMIO LUCANIA DONNA

Dott. Tommaso Taddonio. Pomaricano Illustre

1990

Prof. Gaetano Michetti

Politica

Dott. Vincenzo Parisi

Sociale

Prof. Giuseppe Appella

Cultura

Dott. Giuseppe Galante

Cultura Giuridica

Giuseppe Nicoletti

Imprenditoria

Giovanni Baldantoni

Imprenditoria

Maria Teresa De Ruggieri

PREMIO LUCANIA DONNA per l’Imprenditoria

Prof. Giovanni Pacilio

Pomaricano Illustre

Mons. Nicola Tommasini

Menzione speciale per la Cultura

1991

On. Vincenzo Viti

Politica

Suor Maria Antonietta Mignella

Apostolato

Giampaolo Rugarli

Cultura

Mariele Ventre

Sociale

Pasquale Natuzzi

Imprenditoria

Dott.ssa Lucrezia

Stellacci Cifarelli

PREMIO LUCANIA DONNA per la Cultura

1992

Raffaele Nigro

Cultura

Mons.

Nicola Rotunno

Apostolato

Dott.

Antonio Boccia

Sociale

Mario Cresci

Arte

Luigi Gallo

Moda

Domenico Notarangelo

Comunicazione sociale

Antonio Donnadio

Imprenditoria

Egidio Lunati

Imprenditoria agricola

Antonio Giampietro

Menzione speciale per la Cultura

2015

On. Gianni Pittella

Politica

Avv. Raffaello De Ruggieri

Cultura

Dott.ssa Silvana Arbìa

Cultura Giuridica

M° Damiano D’Ambrosio

Musica

Dott. Angelo Andriulli

Medicina

Giuseppe Marco Albano

Cinema

Lorenzo Marsilio

Imprenditoria

2016

Sen. Filippo Bubbico

Politica

Prof. Giampaolo D’Andrea

Cultura

Magn. Prof. Antonio Felice Uricchio

Cultura Giuridica

Arch Pietro Laureano

Architettura

Menzione Speciale Matera 2019

Lams Laboratorio Arte, Musica e Spettacolo di Matera

Sociale

Carmela Suriano

Imprenditoria agricola

2017

On.le Vito De Filippo

Politica

Avv. Emilio Nicola Buccico

Cultura Giuridica

Menzione Speciale Matera 2019

Prof. Giuseppe Lupo

Cultura

Magn. Prof. Amerigo Restucci

Architettura

Franco Verrascina

Cooperazione

Agricola

 

Torna a casa !